fbpx Maurizio Schmid | Science in the net
Covid-19/

Maurizio Schmid

Maurizio Schmid, professore in bioingegneria, insegna Sistemi per la gestione e l'organizzazione sanitaria all'Università degli Studi Roma Tre, dove coordina il Laboratorio di ingegneria biomedica. Si interessa di studiare l'impatto delle tecnologie sui processi di tutela della salute, e ha un debole per l'utilizzo dei sensori indossabili in questo ambito.

Pandemia: una nuova normalità

Da alcune settimane stiamo assistendo di nuovo a un brusco aumento dei contagi in Italia, in modo sostanzialmente simile a quanto osservato in altre nazioni europee. La seconda ondata, temuta ed evocata come inevitabile da diverse fonti, sembra essere arrivata e lo spettro di un nuovo lockdown si delinea all’orizzonte. Il quadro attuale richiede di prendere rapidamente delle decisioni importanti, ma sarebbe un errore limitarsi a una gestione della situazione contingente. Vi sono infatti elementi a medio-lungo termine associati alla pandemia che sono di portata anche più ampia della diffusione di contagi che l’Italia e l’Europa stanno attualmente affrontando.

Immagine: Pixabay License.

La pandemia non si sta esaurendo e l’immunità di gregge è lontana

Al contrario di quanto prospettato da alcuni ricercatori durante i mesi estivi, il virus mantiene la sua capacità di contagiare e uccidere.