Covid-19/

La diversificazione delle piante a fiore

Titolo originale: 
Evolution Day 2012: Peter Stevens
Data: 
20 February, 2012
Soggetto: 
Peter Stevens, University of Missouri - St. Louis, USA

Il tempo, gli alberi, e la diversificazione delle piante a fiore
Peter Stevens
University of Missouri, USA

Per iniziare a comprendere la diversificazione delle piante a fiore (angiosperme), l'evoluzione di oltre 300.000 specie di piante, abbiamo bisogno di un albero filogenetico ben supportato, con una datazione per i punti di ramificazione. Dobbiamo anche sapere dove, su quell'albero, sono avvenuti cambiamenti evolutivi, e il loro significato ecologico e fisiologico. Negli ultimi 25 anni abbiamo fatto notevoli progressi nella comprensione della filogenesi delle angiosperme, ma siamo ancora lontani dal capirne la diversificazione. Per capire a che punto siamo e che cosa rimane da scoprire mi concentrerò sui fiori delle angiosperme, sottolineando la relazione tra la loro evoluzione e l'evoluzione delle angiosperme nel loro insieme, e in particolare su orchidee e piante grasse. Considererò anche l'evoluzione del tessuto vascolare delle piante e la densità di venazione, e come questi possano aver influenzato la diffusione dell'odierno ambiente della foresta pluviale tropicale. Infine discuterò brevemente il ruolo indispensabile dei funghi e degli impollinatori, quali le api delle orchidee e i colibrì, nell'evoluzione delle piante a fiore. Comprendere i più importanti pattern della diversità delle angiosperme rimane una sfida.

Breve introduzione scientifica alle relazioni dell'Evolution Day
Marco Ferrari

[video:http://www.youtube.com/watch?v=QB0PLfYEvqg]

Correlazione degli articoli
Informazioni per gli editor
stato: 
pronto
Read time: 1 min
Italian
Evolution Day 2012
Sezioni: 
Dossier: 
Autori: