Combattere le nuove epidemie globali investendo a livello locale

Read time: 4 mins

La dura e dolorosa lezione del non ancora spento “outbreak” del virus Ebola e di altre recenti epidemie virali (SARS, MERS, Chikungunya, influenza e, ovviamente, HIV/AIDS) dimostra quanto la comunità globale sia vulnerabile alle infezioni virali e quanto rapidamente un focolaio d’infezione in un angolo del mondo possa mettere a rischio l’operatività e la salute di persone geograficamente molto distanti da esso.

La maggior parte dei recenti richiami ad agire per combattere le epidemie virali hanno sottolineato la necessità di aumentare la nostra capacità diagnostica a livello globale e d’individuare gruppi di esperti che possano recarsi rapidamente nei luoghi in cui sono segnalati nuovi focolai d’infezione. Sebbene questi sforzi siano importanti, il Global Virus Network (GVN), un’organizzazione non-profit con centro logistico a Baltimora, Maryland (USA), ritiene che l’approccio più efficace per combattere le nuove epidemie sia potenziare la formazione culturale e pratica di virologi medici (e figure professionalmente correlate) in ogni nazione.
Le sfide locali, infatti,  devono essere affrontate con sensibilità culturale grazie ad esperti del posto e sul posto per non correre il rischio di perdere rapidamente la fiducia di quelle figure chiave atte a garantire che le misure di prevenzione siano effettivamente disponibili. Riteniamo infatti che sia la cultura scientifica di ogni nazione, adeguatamente sostenuta e finanziata, la maggior speranza e garanzia contro le pandemie virali.

Un esempio dell’impatto positivo dell’investimento e sostegno di una massa critica di virologi altamente qualificati in nazioni economicamente in difficoltà proviene dall’esperienza di contenimento dell’epidemia di Ebola in Nigeria lo scorso anno, un autentico miracolo avvenuto nella più popolosa nazione Africana. La risposta nigeriana ad Ebola si è sviluppata infatti sfruttando infrastrutture costruite grazie ad un investimento decennale con fondi dello “U.S. President’s Emergency Plan for AIDS Relief” e dei National Institutes of Health (NIH) per lo sviluppo di competenze Nigeriane locali. Quando l’epidemia di Ebola ha attraversato i confini a causa di comunicazioni aeree con le zone colpite dalla malattia, due medici Americani (Abdulsalama Nasidi, virologo formatosi all’Università del Maryland a Baltimora, e John Vertefeuille, epidemiologo dei “Centers for Disease Control and Prevention”, CDC) già presenti in Nigeria con il loro team sono riusciti a rintracciare rapidamente 895 contatti di 19 casi d’infezione confermati in laboratorio e contratti da una singola persona(caso indice). Ciò ha comportato 18.500 interviste individuali che hanno permesso di controllare localmente ed evitare l’insorgenza di una situazione caotica, come avvenuto nei paesi vicini non dotati di simili infrastrutture.
La chiave di volta di questa risposta efficace è stata quindi avere una squadra operativa comprensiva di un esperto epidemiologo e di un virologo preparato già presente sul territorio interessato dal focolaio epidemico ed in grado di diagnosticare rapidamente e contenere i casi individuali,prevenendo così una possibile, probabile catastrofe nazionale.

Il Global Virus Network  include esperti internazionalmente conosciuti in ogni categoria di patogeni virali che infettano l’uomo e operanti in 25 nazioni, Italia inclusa. Il GVN crede fermamente che la formazione dei virologi medici a livello globale sia la solida base per sviluppare sistemi e processi di risposta globale alle emergenze sanitarie, come invocato recentemente da Bill Gates nel suo editoriale sul New England Journal of Medicine e da Jim Kim, presidente della World Bank, in un editoriale pubblicato sul New York Times.

Per cogliere questo particolare momento storico e facilitare la capacità di risposta alle infezioni virali emergenti desideriamo stimolare gli uomini politici nazionali e globali, i leader mondiali dell’industria e dell’accademia affinché aumentino le risorse per la formazione della prossima generazione di virologi medici considerandoli un elemento strategico della preparazione complessiva di una risposta a livello globale alle pandemie prossime venture.I virologi di maggior spicco dovrebbero raddoppiare i loro sforzi per motivare le future generazioni a perseguire una carriera nell’ambito virologico-medico, mentre i leader di governo e del settore privato dovrebbero incrementare i loro investimenti nella formazione di queste figure. Agendo insieme e con urgenza possiamo mettere in sicurezza il nostro futuro dalle possibili epidemie virali formando e finanziando una massa critica di virologi esperti a livello globale. In assenza di loro saremo tutti a rischio.

di Robert C. Gallo, N. Scott Fine, Diane E. Griffin, Sharon H. Hrynkow e Umberto Bertazzoni

(testo originale adattato e tradotto da Guido Poli)

Articoli correlati

altri articoli

Scientists revealed a weak spot of the Huntington’s disease

An MRI scan shows signs of atrophy in the brain of a patient with Huntington's disease.
Science Photo Library/Science Source

Researchers have found that aberrant protein aggregates responsible for Huntington’s disease have some weak spots that could be exploited to hinder the development of this pathology. The study, published on Scientific Report, has been conducted by scientists of the Centre for Complexity and Biosystems (CC&B) of the University of Milan, in collaboration with colleagues from Penn State University.