Covid-19/

Sotto inchiesta laboratorio per malattie cardiovascolari

Tempo di lettura: 4 mins

Nello studio della rigenerazione cardiaca, Piero Anversa è tra i nomi più autorevoli. La sua ricerca sui meccanismi di riparazione del cuore ha contribuito a rilanciare il settore della terapia cellulare cardiaca. Dopo più di quattro decenni di ricerca e 350 pubblicazioni, dirige un laboratorio presso l'Harvard Medical School del Brigham and Women Hospital (BWH) di Boston con più di 6 milioni di dollari di aiuti attivi dal National Institutes of Health (NIH).

Così, quando all'inizio di quest'anno è venuta alla luce un'indagine in corso da parte del BWH sul suo laboratorio, i colleghi di Anversa sono rimasti sconcertati. Secondo alcuni, la reputazione di Anversa di ricercatore in grado di spingersi oltre i limiti sfidando il dogma esistente ha generato alcune critiche. Altri, invece, affermano che le controversie sono più profonde e relative a dubbi su una terapia cellulare sviluppata dal suo laboratorio e sulla integrità scientifica del gruppo. Anversa ha fatto sapere a Science di non poter commentare nel corso dell'inchiesta.
La situazione è fonte di grande preoccupazione tra gli esperti del settore ma è anche frustrante, poiché non sono disponibili informazioni sulle indagini di BWH. Nel mese di aprile, tuttavia, la rivista Circulation ha accettato la richiesta di Harvard di ritirare un articolo del 2012 di cui Anversa è autore corrispondente, citando dati "compromessi".

In tutta la sua carriera, Anversa ha sostenuto che il cuore è una prolifica e permanente fabbrica di nuove cellule muscolari. La maggior parte degli esperti accettano l'opinione che il cuore adulto può rigenerare il muscolo, ma molti hanno contestato ad Anversa le alte stime del tasso di turnover, riportate nell'articolo ritirato da Circulation. Il gruppo di Anversa ha anche sperimentato un metodo per separare le cellule con potenziali capacità rigenerative dal tessuto cardiaco in base alla presenza di una proteina chiamata c-kit. Dopo aver pubblicato le prove che le cellule cardiache c-kit+ sono in grado di stimolare la crescita muscolare nel cuore dei roditori, il gruppo ha collaborato al trial SCIPIO iniettandole nei pazienti con insufficienza cardiaca.
Su The Lancet, gli scienziati hanno riferito che la terapia è sicura e mostra una modesta capacità di rafforzare il cuore, evidenza che molti giudicano intrigante e provocatoria. Roberto Bolli, il cardiologo che ha eseguito il trial SCIPIO, prevede di testare le cellule c-kit+ in ulteriori studi clinici come parte del Cardiovascular Cell Therapy Research Network finanziato dall'NIH.
Ma altri non sono stati in grado di riprodurre gli effetti drammatici che Anversa ha visto negli animali, e alcuni si sono chiesti se queste cellule hanno davvero proprietà staminali. Nel mese di maggio, un gruppo guidato da Jeffery Molkentin, un biologo molecolare presso il Cincinnati Children's Hospital Medical Center in Ohio, ha pubblicato un articolo su Nature nel quale ha tracciato il lignaggio genetico delle cellule c-kit+ che si trovano nel cuore.
Ha concluso che anche se sono in grado di generare nuove cellule muscolari, il numero è "sorprendentemente basso" e probabilmente non sufficiente a contribuire alla riparazione dei cuori danneggiati.
Eppure, Molkentin dice di credere nel loro potenziale terapeutico e che lui e Anversa hanno discusso di una collaborazione. Ora, un blogger anonimo sostiene che i problemi nel laboratorio di Anversa vanno oltre i risultati controversi. Un ex ricercatore del laboratorio di Anversa, in forma anonima sul blog Retraction Watch, ha descritto una cultura di laboratorio incentrata sulla protezione dell'ipotesi relativa alle potenzialità rigenerative delle cellule c-kit+: "Tutti i dati che non puntavano alla 'veridicità' dell'ipotesi sono stati considerati sbagliati".
Ma un altro ex membro del laboratorio offre una prospettiva diversa. Federica Limana, ricercatrice sulle malattie cardiovascolari presso l'IRCCS San Raffaele Pisana di Roma ha trascorso due anni del suo percorso di PhD con il gruppo nel 1999 e nel 2000, quando si stava cominciando a indagare sulle cellule c-kit+. "In quel periodo, non c'era pressione per produrre un particolare risultato", spiega Limana. Le accuse circa l'integrità del laboratorio, in combinazione con il continuo riserbo da parte di BWH, sono profondamente preoccupanti per gli scienziati che hanno puntato la loro ricerca sulle teorie delle quali Anversa è stato precursore.
Alcuni hanno criticato BWH di richiedere ritrattazioni nel bel mezzo di un'indagine. Reputazioni e carriere scientifiche sono in bilico, sarebbe opportuno attendere fino a che tutti i fatti non siano stati chiaramente e pienamente resi noti.

Aiuta Scienza in Rete a crescere. Il lavoro della redazione, soprattutto in questi momenti di emergenza, è enorme. Attualmente il giornale è interamente sostenuto dall'Editore Zadig, che non ricava alcun utile da questa attività, se non il piacere di fare giornalismo scientifico rigoroso, tempestivo e indipendente. Con il tuo contributo possiamo garantire un futuro a Scienza in Rete.

E' possibile inviare i contributi attraverso Paypal cliccando sul pulsante qui sopra. Questa forma di pagamento è garantita da Paypal.

Oppure attraverso bonifico bancario (IBAN: IT78X0311101614000000002939 intestato a Zadig srl - UBI SCPA - Agenzia di Milano, Piazzale Susa 2)

altri articoli

Epidemic: from reality to fantasy

Comparing the Covid-19 pandemic with two pandemics from literature: “The White Plague” by Frank Herbert and “Station 11” by Emily St. John Mandel

Epidemics is an often recurring theme in world literature, where authors share with us their realistic and unrealistic version of them. I recently read two books with global plagues in them: “The White Plague” by Herbert (1982) and “Station 11” by St. John Mandel (2014). These books came to mind at the outbreak of the new coronavirus epidemics, and I was reminded of the traits of their own epidemics and how puzzled they had left me. I will not compare these three diseases scientifically, as that would be impossible.