Air pollution shortens the life expectancy of Italians

Read time: 5 mins

In Italy 30,000 people die every year because of air pollution caused by fine particulate matter (PM2.5) only – which corresponds to 7% of all deaths (excluding accidents). In terms of life expectancy this means that, on average, air pollution shortens the life of every Italian citizen by 10 months; 14 months for those living in Northern Italy; 6.6 months for those living in Central Italy and 5.7 for the inhabitants of Southern Italy and the islands of the country. Northern Italy is the most affected area. Respecting laws would save 11,000 lives every year.

 These are the most important findings of the “Progetto VIIAS” – VIIAS project (the Italian acronym stands for: “Integrated Evaluation of the Impact of Air Pollution on the Environment and Health”), coordinated by the Department of Epidemiology of the Lazio Region Health Service within the initiatives of the Centro Controllo Malattie (CCM), the Centre for Disease Control of the Italian Ministry of Health. The results will be presented on 4th June 2015 at the Auditorium of the Ministry (via Giorgio Ribotta, 5 – Rome). The meeting will take place only few days after the resolution on air pollution adopted by the 68th World Health Assembly, a resolution that reiterates the negative impact of pollution on health and that calls upon all Governments to act on the issue with immediate and urgent measures.

 The VIIAS project is the very first, tangible, answer to this warning.

Besides providing a detailed map of the environmental and health impact of air pollution, it actually stresses how proper policies could help gains for the reduction of disease and mortality rates, decreasing inequalities on the territory and saving public resources. Also, the analysis put together by the VIIAS project enables us also to perceive clearly how the nature of air pollution has changed over the past ten years, by identifying biomass combustion for heating and diesel exhaust fumes as the two main culprits prevention should focus on. 

The new map of pollution in Italy

Using sophisticated statistical methods of modelling the concentration of pollutants on the whole national territory, the VIIAS project has estimated both the exposure risk for the Italian population and the total mortality rate – as well as the mortality rate connected to respiratory disease; cardiovascular disease and lung cancer in Italy and in each and every Italian Region. 

The picture emerging from the study provides worrying numbers: 29% of the Italian population lives in areas where the concentration of pollutants is constantly higher than the legal limit. In addition, there are considerable inequalities in the health impact on the Italian territory. As one may expect, pollution affects mostly the Northern part of the country (65% of the total) where there is a high concentration of urban areas with congested traffic and busy industrial belts. Biomass combustion (mainly wood and pellet) is also responsible for a higher mortality and morbidity rates caused by fine particulate matter.

The reckonings carried out during the project show clearly the evolution of the effects of pollution on health throughout time. In 2005 the number of deaths linked to pollution was distributed as follows: 34,552 due to PM2.5; 23,387 due to NO2 and 1,707 due to  O3.  However, 2010 marked a great decrease for the numbers related to PM2.5 (21,524) and NO2 (11,993) especially in view of less emissions in connection with the economic recession.

Whereas, in 2020, despite the technological improvements and the policies implemented, seemingly the situation will be far from better if compared to 2010 (28,595 deaths because of PM 2.5; 10,117 because of NO2).

Improving is possible but it is a complex challenge

For 2020, the VIIAS project contemplates two alternative scenarios:

 1.     The full compliance of Italy with all the laws, limits and regulations set at the national and European level.

2.     An even reduction by 20% of the concentration of pollutants on the national territory.

Both scenarios would translate into many lives saved: 11,000 for PM2.5 and 14,000 for NO2 for scenario number 1 and 16,000 for PM2.5 and 18,000 for NO2 for scenario number 2 – always in comparison with the 2005 values.

This perspective shows how the full compliance with the legal limits set by the current laws and, moreover, the further reduction by 20% of the average yearly concentration would be incredibly beneficial for public health. And for the Economy in turn: official WHO statistics show that 10,000 deaths less a year equal to more or less 30 billion euros saved.

Health in all policies

However, this is a very complex challenge. The VIIAS study has in fact proved how the considerable reduction in emissions happened over the past ten years has not led to a proportional decrease in the level of exposure – especially in those areas of the Country (e.g. the Po valley) whose geographical and weather conditions are particularly complicated.

Thus, it is of paramount importance to design an effective plan for the air quality at the national level in coordination with the regional planning – placing Health at the centre of all policies, in agreement with what WHO has been advocating for a long time now. New measures are a must to mitigate the growing impact of the biomass combustion: biomasses are surely useful to counteract climate change but are also incredibly damaging in terms of pollution created by particulate.

The commitment to sustainable mobility (pedestrian, bicycle, eco-friendly public transportation systems) is a priority - with a reduction of diesel fuelled vehicles, which are responsible for the 91% of all nitrogen dioxide emissions and for a high percentage of particulate in the transport sector. The emissions coming from the agriculture (ammonia) should be carefully monitored and limited too. In addition, focused forestation interventions in urban zones could mitigate the effects of pollution in metropolitan areas.

The VIIAS project is coordinated by the Department of Epidemiology of the Lazio Region Health Service and is the result of an extensive collaboration involving Italian Universities and Research centres (e.g. ENEA, ISPRA, the ARPA of Piedmont, Emilia Romagna and Lazio; the statistics dept. of the University of Florence, the University of Urbino and the Dept. of Environmental Biology of the La Sapienza University in Rome). On the www.viias.it website – updated by the project’s partner Zadig all the relevant data and materials / resources are available.

Autori: 

Add new comment

Newsletter #issue 2, 2017

Read time: 7 mins

Materia oscura

Mappa della materia oscura in tonalità di rosa. Le zone chiare (scure) sono quelle a più alta (bassa) densità di materia oscura. L'immagine è stata ottenuta dai dati dell'esperimento Kilo Degree Survey (KiDS), usando il telescopio VLT dell'osservatorio ESO di Cerro Paranal in Cile. Credit: Kilo-Degree Survey Collaboration/H. Hildebrandt & B. Giblin/ESO

  • Recentemente i ricercatori dell’esperimento KiDS (Kilo Degree Survey) hanno pubblicato i risultati di una misura diretta della distribuzione di materia oscura. Analizzando i dati relativi a 15 milioni di galassie, il gruppo di ha trovato una distribuzione di materia oscura più omogenea rispetto a quella prevista dall'esperimento Planck. [Scienza in Rete, Claudio Elidoro]
  • Bisogna però prestare attenzione al fatto che le due misure, KiDS e Planck, non sono direttamente confrontabili. Mentre KiDS fornisce una misura diretta ma in uno spazio di cielo limitato, Planck osserva la radiazione cosmologica di fondo e da questa deriva, utilizzando il modello standard cosmologico, una misura del grado di omogeneità della materia oscura.
  • A chiarire la tensione tra i due risultati ci penserà probabilmente la missione dell'ESA Euclid, che partirà nel 2020 e punta a svelare la natura della materia oscura, dell'energia oscura e della gravità. [ESA, Euclid]
  • I dati dell'esperimento KiDS (Kilo Degree Survey) sono gli stessi utilizzati per il primo test della teoria della gravità di Verlinde, una teoria alternativa a quella di Einstein che non prevede l'esistenza della materia oscura. [Media Inaf, Redazione]
  • L'astronoma Vera Rubin, insieme a Kent Ford, aveva fornito negli anni '70 del novecento le prime evidenze sull'esistenza della materia oscura, osservando un'anomalia nella rotazione della galassia di Andromeda. Rubin è scomparsa il 25 dicembre scorso. [New York Times, Lisa Randall]

Meningite: un'epidemia solo mediatica?

Il batterio Neisseria meningìtidis.

  • Nel 2016 i casi di meningite batterica da meningococco in Toscana sono stati 41, circa 1.09 ogni 100 mila abitanti, più che in ogni altra regione italiana. Si è parlato di epidemia, ma è davvero così? Eugenio Paci e Chiara Azzari, rispettivamente epidemiologo e immunologa dell'Ospedale Meyer di Firenze, propongono una spiegazione per questo aumento anomalo: un metodo diagnostico più accurato di quelli tradizionali, chiamato Realtime PCR (rPCR). Dal 2014 i casi di meningite in Toscana vengono analizzati con questa tecnica, che si è rivelata essere 3.28 volte più efficace rispetto all'esame dei sintomi clinici. [Scienza in Rete, Eugenio Paci e Chiara Azzari]
  • Il livello di copertura vaccinale non è determinato unicamente dalle politiche sanitarie. Questo è ciò che emerge dal progetto ASSET: tassi di vaccinazione superiori o inferiori alla media si riscontrano nei diversi Paesi indifferentemente dalla politica scelta. Ha fatto molto discutere la decisione del Consiglio Regionale dell'Emilia Romagna di impedire ai bambini non in regola con le vaccinati obbligatorie di entrare all'asilo nido. Roberta Villa, che partecipa al progetto ASSET, spiega il suo punto di vista. [Scienza in Rete, Roberta Villa]
  • Nell'ultimo anno il calo delle coperture vaccinali e il presunto aumento di casi di meningite in Toscana ha occupato grande spazio nel dibattito pubblico. L'intervento di Roberto Burioni, virologo del San Raffaele di Milano, ha condotto la discussione su un altro tema, più generale, quello della comunicazione della scienza. Il dibattito tra esperti e non esperti è possibile e auspicabile? E in quali condizioni si può realizzare? [Valigia Blu, Antonio Scalari]

Cyberspionaggio

Credit: IMakeUseOf.com

  • Il 17 dicembre scorso Barack Obama ha annunciato che esistono prove schiaccianti sul fatto che sia la Russia ad aver ordinato l'attacco hacker che ha interferito con l'esito delle elezioni presidenziali di Novembre in USA. Ma quali sono queste prove schiaccianti? C'è il rischio che i segreti di stato, custoditi per non indebolire l'efficacia delle agenzie di sicurezza nazionale, mettano a rischio la democrazia? [Valigia Blu, Fabio Chiusi]
  • Bruce Schneier, esperto di sicurezza informatica soprannominato security guru da The Economist, spiega il processo che permette di scoprire chi si cela dietro un attacco hacker. Non esiste una vera e propria prova, piuttosto una serie di indizi. "The clues might involve ones and zeros, but the techniques go back to Sir Arthur Conan Doyle". [CNN, Bruce Schneier]
  • Anche l'Italia ha il suo caso di cyber-spionaggio. Per sei anni i fratelli Giulio e Francesca Maria Occhionero hanno spiato i computer di famosi esponenti della politica, dell'economia e finanza, infettandoli con il malware EyePiramid. Alessandro Curioni, vice presidente di IBM Europe, presidente di IBM Research ed esperto di sicurezza informatica, fa il punto sulla nostra "fragilità" in un'intervista ai microfoni di Radio Popolare. [Radio Popolare, Il Demone del Tardi]

Etica della scienza / Politica della ricerca

Credit: Chiara Sabelli. Realizzato con Canva.

  • Pubblicati lunedì 9 gennaio i dettagli sulla classifica delle università italiane stilata da Il Sole 24 Ore. La didattica viene valutata attraverso 7 indicatori (attrattività, sostenibilità, stage, mobilità internazionale, borse di studio, dispersione, efficacia, soddisfazione, occupazione), mentre la qualità della ricerca attraverso tre indicatori (ricerca, fondi esterni, alta formazione). Tuttavia non è spiegato come sia stato quantificato ciascun indicatore [Il Sole 24 Ore, Gianni Trovati]
  • La valutazione della qualità della ricerca nella classifica de Il Sole 24 Ore non è originale, bensì corrisponde alla VQR 2004-2010 prodotta dall’ANVUR. La VQR si basa su due sistemi di valutazione per stimare l'impatto delle pubblicazioni scientifiche: peer-review e indici bibliometrici. Per dimostrare che l'uso di uno o dell'altro metodo produce gli stessi risultati, l'ANVUR ha effettuato un confronto su circa 9000 pubblicazioni, meno del 10% del totale di articoli raccolti, trovando un buon livello di accrodo. Alberto Baccini e Giuseppe De Nicolao mettono in discussione questi risultati. [LSE Impact Blog, AlbertoBaccini e Giuseppe De Nicolao]
  • Intanto, dall’altra parte della Manica, la University and College Union ha effettuato un sondaggio tra 1000 ricercatori delle università britanniche chiedendo se la Brexit avrà conseguenze sul loro futuro professionale. Il risultato lascia intravedere il pericolo di un esodo [Nature Trend Watch, Daniel Cressey]
  • L'esperimento di un giornalista del New York Times: partecipare come speaker alla 15th World Cardiology and Angiology Conference organizzata dalla OMICS International. [Upshot - The New York Times, Kevin Carey]
  • I responsabili di una frode scientifica spesso restano sconosciuti. Ma non in questo caso. Michael Dansinger, medico del Tufts Medical Center, ha reso pubblico l'episodio di plagio messo in atto da un gruppo di ricercatori della Fondazione Stella Maris Mediterraneo di Potenza ai suoi danni, pubblicando una lettera aperta sulla prestigiosa rivista Annals of Internal Medicine. [Stat News, Adam Marcus e Ivan Oransky]
  • Appello per il prolungamento della moratoria sui divieti alla sperimentazione animale. Il Decreto Milleproroghe approvato il 29 dicembre scorso, ha previsto la proroga di un anno soltanto della moratoria sul divieto di utilizzo di animali negli studi sul meccanismo d’azione delle sostanze d’abuso e sugli xenotrapianti d’organo, restrizioni introdotte con il Decreto Legislativo 26/2014. [Appello per il prolungamento della moratoria sui divieti alla sperimentazione animale]

Miscellanea

Credit: Associazione Cittadini per l'aria.

  • È ancora possibile per qualche giorno iscriversi alla iniziativa milanese “Diventa vedetta dell’aria”, dell'Associazione Cittadini per l’aria per contribuire in un grande esperimento di scienza partecipata a misurare con apposite fialette la concentrazione di NO2 in prossimità della propria casa. Scienza in Rete ne ha parlato recentemente. [Scienza in Rete, Valentina Meschia]
  • “Gene edited” oppure “Genetically modified”? Le nuove tecniche di manipolazione genetica, come la CRISPR, vengono utilizzate in numerose piantagioni. Non introducono geni di organismi estranei nelle piante e dunque il risultato non può essere considerato OGM, almeno per il momento. Le normative attualmente in vigore sono state scritte per la vecchia generazione di OGM. E c’è chi scommette che presto i fagioli di soia geneticamente modificati sostituiranno le olive nella produzione di olio [The New York Times, Kenneth Chang]
  • Leggi elettorali a confronto. Compilare due schede elettorali e osservare le differenze. L'esperimento di un biologo, un ingegnere e un economista raccontato su Nature News and Comment. [Nature Comment, Guruprasad Madhavan, Charles Phelps e Rino Rappuoli]
  • Un gruppo di ricercatori americani guidati da Ingrid Gould Ellen, professoressa di politiche urbanistiche alla New York University, ha condotto uno studio che mostra che uno dei fattori che contribuiscono maggiormente alla gentrificazione di un quartiere popolare è una sostanziale diminuzione degli episodi criminosi. [Upshot - The New York Times, Emily Badger]
  • Cosa succederà dopo LHC? I fisici pensano a un cambio di paradigma nella progettazione degli acceleratori di particelle, per poter raggiungere energie di collisione più elevate di quelle attuali. L'idea è quella di usare fasci di protoni per trainare elettroni all'interno di un plasma. Al CERN è in preparazione l'esperimento AWAKE, un proof-of-principle demonstration experiment per capire se è possibile percorrere questa strada [Life and Physics - The Guardian, Jon Butterworth]