Covid-19/

Davide Zannoni

È professore ordinario di microbiologia presso il Dipartimento di Farmacia e Biotecnologie dell'Università di Bologna, la stessa università in cui si è laureato in Scienza Biologiche nel 1973. Tra il 1977 e il 1978 è stato ricercatore alla St. Louis Medical School (USA), nel 1981 alla St. Andrews University (Scozia, UK), nel 1983 al CNRS-CEA di Saclay (Francia) e nel 1991 all'Università di Göttingen (Germania).

I suoi interessi scientifici riguardano la decontaminazione a opera dei microbi di metalli e metalloidi nel plankton e nei biofilm, la produzione microbica di nanoparticelle metalliche, i meccanismi molecolari del movimento nei batteri e della loro formazione di biofilm, la degradazione di alcani e acidi naftenici a opera dei batteri del genere Rhodococcus e la produzione batterica di idrogeno. È autore o co-autore di oltre 150 pubblicazioni scientifiche e di diversi libri di testo. Dal 2003 al 2006 è stato presidente della Società Italiana di Microbiologia Generale e Biotecnologie Microbiche (SIMGBM); dal 2004 al 2010 è stato a capo del Dipartimento di Biologia all'Università di Bologna e dal 2015 al 2018 è membro del consiglio di amministrazione della stessa Università. Dal 2018 è inoltre il delegato SIMGBM alla Federation of the European Microbiological Societies

Nuovi parametri per salvare la ricerca biologica al banco

La valutazione del lavoro dei ricercatori dipende da alcuni parametri fra cui quello storico dell'Impact Factor, sempre più frequentemente sostituito dall'Indice H (1)Ma è lecito confrontare l'indice H dei ricercatori che lavorano in discipline diverse?