Covid-19/

Aldo Di Benedetto

Di competenze eclettiche, cultore della teoria dei sistemi, della scienza ed epistemologia della complessità. Dopo la laurea in Medicina, attraverso un originale percorso formativo, professionale e gestionale, ha maturato diverse esperienze in campo clinico, epidemiologico e di tutela ambientale in varie istituzioni pubbliche e dell’associazionismo. Fra l'altro, è stato Vice Presidente della Federazione Nazionale Pro Natura, la più antica delle associazioni di protezione della natura; dal 2001 al 2008 è stato Direttore dell'Ente Parco Nazionale d'Abruzzo, Lazio e Molise, una delle aree protette più importanti in Europa. Dal 2008, in qualità di dirigente medico,  presso il Ministero della Salute nella Direzione Generale della Prevenzione Sanitaria si occupa di rischio chimico, fisico e biologico, biodiversità e salute; referente scientifico di vari progetti CCM come “Sentieri”, T4HIA, “VIIAS”, “EpiAmbNet”, “RIAS”;  dal 2016 è stato chiamato a far parte del Gruppo di Lavoro FnomCeo “Professione, Salute, Ambiente e Sviluppo Economico”.

Simbiosi e complessità: le parole chiave per il post Covid-19

Si continuano a rilanciare messaggi di ripresa come se nulla fosse cambiato e nulla cambierà rispetto al pre-Covid-19. E invece la ripartenza dovrebbe fondarsi su alcuni punti chiave, nei quali le regole e le condizioni sono diverse rispetto al passato.
Crediti immagine: Pixabay/Pexels. Licenza: Pexels License

Per far fronte alle conseguenze della pandemia da virus SARS-COV-2, che ha coinvolto aspetti non solo sanitari ma anche sociali ed economici, ritengo che non si possa prescindere da un innovativo modello scientifico e istituzionale - come ho sostenuto in altre circostanze - abbandonando quei presupposti riduzionistici che ci hanno condotto in un vicolo cieco.

Una visione sistemica per affrontare le pandemie e le loro conseguenze

Crediti immagine: Magda Ehlers/Pexels. Licenza: Pexels License

La tempesta sanitaria mondiale, emersa con l’attuale pandemia da virus Sars-Cov-2, esprime la quintessenza di una crisi ecologica e sanitaria convergenti, che ha colpito inesorabilmente tutti gli stati, in particolare il nord dell’Italia.