Andrea Nardini

E’ specializzato in Analisi dei Sistemi applicata all'ambiente. Ha tenuto e tiene corsi e conferenze a livello universitario e post-universitario in Italia e all’estero. Ha prodotto numerose pubblicazioni scientifiche (articoli, monografie, libri, CD ROM) a livello internazionale. Ha condotto e conduce progetti pluriennali in paesi in via di sviluppo (in particolare in Cile, Egitto, Colombia). Svolge attività di consulenza internazionale per enti pubblici , ONG ed organizzazioni internazionali sostanzialmente sempre nell'ambito della ricerca applicata.

E’ co-fondatore del Centro Italiano per la Riqualificazione Fluviale (CIRF, Venezia; www.cirf.org), che promuove un approccio integrato alla pianificazione e gestione dei corsi d’acqua attraverso pubblicazioni, documenti di opinione, corsi di formazione, workshop , viaggi studio e progetti pilota. E’ attualmente membro del consiglio direttivo e responsabile del settore ricerca tecnico-scientifica e cooperazione internazionale.

Il suo ambito di lavoro riguarda problemi di pianificazione e gestione di risorse naturali (idriche in particolare) coinvolgenti: aspetti ambientali complessi, decisioni da prendere, sviluppo sostenibile, interessi conflittuali e in particolare gestione di bacino e di problematiche legate ai fiumi. Il suo approccio è fortemente multidisciplinare, spaziando dall’Analisi dei Sistemi (teoria dei sistemi, modellistica matematica di sistemi di risorse idriche, analisi decisionale, informatica), economia ambientale (valutazione integrata, politiche di utilizzo delle risorse), scienze ambientali (hidrologia, idraulica e geomorfologia fluviale), fino alle scienze sociali (comunicazione, partecipazione pubblica, risoluzione di conflitti, analisi dei valori).
Ama sconfinatamente la natura , i viaggi , la musica , la danza, la bellezza , le donne (prima , tra tutte, sua moglie), il pensiero, la scienza e la vita.

Contro le alluvioni ricostruiamo la natura

Questo articolo non presenta dati e quasi nemmeno citazioni perché diventerebbe alquanto pesante da scrivere e da leggere e la logica è forse più chiara così. Comunque, le evidenze esistono: il CIRF nel suo Manuale ne ha raccolte molte, e diversi progetti europei stanno approfondendo i diversi fronti con profusione di informazioni.