Giuseppe Trautteur

Attratto per natura dagli artefatti - orologi, ferrovie, congegni ottici, acustici, elettronici, ecc. Giuseppe Trautteur, nato a Napoli nel 1936, studi classici, una volta laureato in Fisica a Roma, passa presto a interessarsi di cibernetica presso l’Università di Napoli, perfeziona i suoi studi presso la University of Michigan e poi allo “Institut pour les études sémantiques et cognitive” della Université de Genève. Professore straordinario presso la Facoltà di Scienze M. F. e N. della Università di Palermo nel 1981, in seguito ordinario presso il Dipartimento di Scienze fisiche della Università di Napoli Federico II. Organizza nel 1991 il “Workshop on Consciousness” presso la Fondazione Cini, Venezia. Ha lavorato approfondendo questi temi: reti neurali, percezione acustica, teoria della calcolabilità, complessità di calcolo, automi cellulari. Coltiva principalmente, sotto diversi aspetti, i fondamenti fisici del processo mentale, in particolare della consapevolezza umana, per discernere l’articolazione tra mente e materia. Amico dei fondatori della casa editrice Adelphi, ne cura fin dagli inizia gli aspetti scientifici. Al presente Emerito di Informatica presso la Università di Napoli Federico II.