Cristina Da Rold

Freelance (data) journalist & science communicator.

Mi occupo di giornalismo e comunicazione della scienza come freelance. Soprattutto in rete e soprattutto data-driven.

Lavoro per la maggior parte su temi legati a salute, sanità, nuove tecnologie, economia.

Web: www.cristinadarold.com

Twitter: @CristinaDaRold

Gli italiani che hanno fatto gli ERC

Scienza in Rete si è occupata spesso dei grant dell'European Research Council, i bandi in assoluto più competitivi a livello europeo. Avendo ora acquisito le statistiche complete di ERC, è possibile approfondire l'analisi di questi bandi nei primi dieci anni di questa istituzione. E la prima cosa che salta all'occhio è che - per quanto riguarda il nostro paese - a fare gli ERC Grants non sia tanto l'Italia, quanto gli italiani.

Ancora grandi le differenze di salute in Italia

L'ultimo rapporto Osservasalute, redatto dall'Osservatorio Nazionale sulla Salute delle Regioni italiane è un corposo documento di oltre 400 pagine, e dunque complesso da sintetizzare, ma un punto di vista sempre interessante emerge inforcando le lenti delle disuguaglianze, gli output di salute derivanti dai gradienti geo-socio-culturali e osservare come si comportano gli elementi più vulnerabili del sistema. Chi ha cioè meno risorse di partenza e dunque meno mezzi per contrastare queste disuguaglianze, che si traducono anzitutto in un maggiore impatto delle malattie croniche.