Covid-19/

Medicine non convenzionali tra scienza e illusione

Read time: 2 mins

Sempre più diffuse, sempre più discusse: le medicine alternative incontrano il favore del pubblico, mentre il mondo della ricerca segnala la scarsa validità scientifica di rimedi e trattamenti. Come orientarsi nel mare di terapie genericamente definite “alternative”? È il tema della giornata organizzata dal MaCSIS - Master in Comunicazione della Scienza e dell’Innovazione Sostenibile dell’Università degli Studi di Milano-Bicocca.

Un confronto per  analizzare una realtà complessa che si muove all’interno delle Università, degli ordini professionali, del servizio sanitario nazionale e dei centri di ricerca. Per ascoltare chi lavora per validare scientificamente l’efficacia di antiche tecniche come l’agopuntura o la fitoterapia, e chi si batte per smascherare le frodi che spesso vanno sotto il nome di ”medicina naturale”. Senza dimenticare l’importanza dell’effetto placebo, che contribuisce al successo di queste - e altre - terapie. E più in generale del rapporto medico paziente: la richiesta di cure “altre” è prima di tutto una richiesta di attenzione e di ascolto.

Le medicine alternative chiedono con forza la parificazione dei loro metodi di cura con la medicina scientifica. Chi vi ricorre chiede di potere imputare i costi a carico del servizio sanitario nazionale. Quest’ultimo, salve alcune rare eccezioni a livello regionale, è orientato nel senso di negare il rimborso alle cure non validate e riconosciute efficaci scientificamente.

In questa situazione i rappresentanti delle varie medicine si confrontano sul problema della libertà di cura; sulle diagnosi e terapie individuate autonomamente dai pazienti senza consiglio medico; sulle panacee miracolose somministrate da personale non medico al di fuori delle strutture sanitarie; sulle preparazioni omeopatiche e sugli integratori alimentari.

La giornata, coordinata dalla giornalista Paola Emilia Cicerone, sarà aperta dagli interventi di Mara Tognetti, Master in Sistemi sanitari, medicine tradizionali e medicine non convenzionali dell’Università di Milano-Bicocca; di Giuseppe Remuzzi, Direttore del Dipartimento di Medicina, Azienda Ospedaliera Papa Giovanni XXIII, Bergamo; di Fabio Firenzuoli, Master in Medicina Naturale, Università di Firenze; di Emilio Minelli, Vice direttore WHO “Collaborating Center of Traditional Medicine”, Università di Milano; Beatrice Mautino, Comitato Italiano per il Controllo delle Affermazioni sul Paranormale (CICAP). Nella sessione del pomeriggio si terranno la relazione sull’effetto placebo di Elisa Carlino, Dipartimento di Neuroscienze, Università di Torino e quella di Antonella Ronchi, Presidente Federazione Italiana delle Associazioni e dei Medici Omeopati (FIAMO).

La partecipazione è aperta a tutti. Per informazioni: [email protected].

Sarà possibile seguire il convegno in diretta streaming.

I contenuti della giornata tematica saranno pubblicati sul sito http://www.colpodiscienza.it.

 

Aiuta Scienza in Rete a crescere. Il lavoro della redazione, soprattutto in questi momenti di emergenza, è enorme. Attualmente il giornale è interamente sostenuto dall'Editore Zadig, che non ricava alcun utile da questa attività, se non il piacere di fare giornalismo scientifico rigoroso, tempestivo e indipendente. Con il tuo contributo possiamo garantire un futuro a Scienza in Rete.

E' possibile inviare i contributi attraverso Paypal cliccando sul pulsante qui sopra. Questa forma di pagamento è garantita da Paypal.

Oppure attraverso bonifico bancario (IBAN: IT78X0311101614000000002939 intestato a Zadig srl - UBI SCPA - Agenzia di Milano, Piazzale Susa 2)

altri articoli

Epidemic: from reality to fantasy

Comparing the Covid-19 pandemic with two pandemics from literature: “The White Plague” by Frank Herbert and “Station 11” by Emily St. John Mandel

Epidemics is an often recurring theme in world literature, where authors share with us their realistic and unrealistic version of them. I recently read two books with global plagues in them: “The White Plague” by Herbert (1982) and “Station 11” by St. John Mandel (2014). These books came to mind at the outbreak of the new coronavirus epidemics, and I was reminded of the traits of their own epidemics and how puzzled they had left me. I will not compare these three diseases scientifically, as that would be impossible.