L'architettura del world wide web in 3D

Tempo di lettura: 1 min
Miniatura app: 
Valutazione media per questa versione: 
5/5 iOs (37 valutazioni) e 4,7/5 Android (132 valutazioni)
Valutazione di Scienza in rete: 
cool
Dimensione: 
15.1 MB iOs e 9,5 MB Android
Prezzo: 
gratis
Titolo: 
Map of the Internet by Peer 1 Hosting
05/03/2013 iOs e 19/03/2013 Android
Autore: 
Peer 1 Network Enterprises
Anteprima: 
Map of the Internet consente di visualizzare in 3D l'architettura di internet: una mappa complessa di tutti gli ISP, Internet exchange points, le università e le altre organizzazioni che costituiscono i principali nodi del traffico online.
Lingua: 
inglese

Map of the Internet consente di visualizzare in 3D la complessa architettura di internet. Nell'app infatti gli ISP, Internet exchange points, le università e le altre organizzazioni che costituiscono i principali nodi del traffico online sono riportati su una mappa che mette in evidenza le principali caratteristiche del world wide web.

[video:http://youtu.be/1YdBsoh4lp8]

L'app consente di visualizzare i nodi in forma geografica proiettati in un glodo che rappresente la terra o in forma gerarchica mettendo cioè in evidenza gli hub principali. E' possibile ruotare le mappe e ingrandirle. Cliccando su ogni nodo si può sapere a chi corrisponde ed effettuare un traceroute per conoscere il tempo di risposta del server. Una timeline consente inoltre di visulizzare i principali cambiamenti della rete nella storia.
Con Map of the Internet è possibile cercare uno specifico dominio, una società o un ISP per scoprire in quale nodo l’host è localizzato e di vedere il nodo al quale il nostro smartphone o tablet è collegato.

[video:http://youtu.be/V_IMlJkTjx8]

L'app è disponibile sia per sistemi iOs sia per sistemi Android.
Per contattare o seguire Peer 1, sviluppatore dell'app, questi i canal YouTube, Facebook e Twitter.

Anteprime dell'app:

Map of the internet

map of the internet

map of the internet

altri articoli

Scientists revealed a weak spot of the Huntington’s disease

An MRI scan shows signs of atrophy in the brain of a patient with Huntington's disease.
Science Photo Library/Science Source

Researchers have found that aberrant protein aggregates responsible for Huntington’s disease have some weak spots that could be exploited to hinder the development of this pathology. The study, published on Scientific Report, has been conducted by scientists of the Centre for Complexity and Biosystems (CC&B) of the University of Milan, in collaboration with colleagues from Penn State University.