fbpx Usiamo le molecole per spiegare l'uomo | Scienza in rete
Covid-19/

Usiamo le molecole per spiegare l'uomo

Tempo di lettura: 3 mins

Il mondo molecolare può essere un valido esempio sia per le scienze naturali sia per quelle umane e sociali. Tale mondo è complesso e pluralistico e la chimica, disciplina scientifica che lavora in questo piano, ancor prima che venisse coniato il termine “complessità”, si è mossa in un’ottica “complessa” e “sistemica”, in quell’ambito di sintesi che io ho chiamato della “complessità sistemica”. Tale mondo è popolato di milioni di individui, oggetti e soggetti di spiegazione, dotati di tale autonomia da richiedere un nome proprio. Il suo utilizzo nelle scienze naturali è evidente sia nel mondo vivente, la biochimica, sia in quello inanimato, per esempio la geochimica. L’approccio molecolare, infatti, può essere utilizzato per tutti gli enti materiali, costituendo una particolare “prospettiva” scientifica allo studio della materia: approccio chimico per composizione.

È il concetto di molecola che ci consente di padroneggiare la complessità qualitativa (oltre che quantitativa) del mondo macroscopico, trasportandola in parte nel mondo microscopico. È in questo modo che si evita l’alternativa tra la semplicità (uno o poche sostanze microscopiche) o la completa complessità (infinite sostanze microscopiche, tante quante sono le sostanze macroscopiche uniformi, come il vino, il legno, ecc.). L’universo molecolare può rappresentare, quindi, il collegamento tra il “semplice” mondo della fisica e il “prorompente” mondo biologico e “smussare” la netta separazione, la dicotomia, tra inanimato e animato.

Accanto a questo ruolo chiaro e già operante nelle scienze naturali, questo mondo complesso e pluralistico può fare da prototipo di spiegazione per branche scientifiche, come le scienze sociali e umane, difficilmente strutturabili intorno al concetto di legge, tipico dell’approccio fisico. Alcune caratteristiche fondamentali del mondo umano sono, infatti, operanti nel mondo molecolare. Luhman sosteneva che “complesso” significasse “relazionarsi in maniera selettiva”. Io credo che questo sia un punto fondamentale della complessità scarsamente considerato nella letteratura, ma ben presente nel mondo molecolare. Quando si guarda un modellino di una molecola, la prima cosa che si nota è che le palline sono collegate tra di loro, ma non ognuna con tutte le altre. Per esempio, anche una molecola semplice come quella dell’acqua (H2O), formata da solo 3 atomi, presenta la caratteristica che l’ossigeno è legato ai due idrogeni, ma questi ultimi sono legati solo all’ossigeno e non tra di loro (H-O-H). Ben diversa è la situazione in fisica dove, per esempio, posizionate tre cariche ad una certa distanza tutte le coppie di interazioni sono valide. Questa selettività ha dato vita a concetti chimici come “affinità” e il suo uso generale nella filosofia dell’Ottocento (fu coniato il concetto di “chimismo”) e in ambito letterario (si pensi alle “affinità elettive” di Goethe) stanno a dimostrare le potenzialità del mondo molecolare, come analogia e schema del mondo umano.

Il mondo molecolare, inoltre, non è statico, ma intrinsecamente dinamico, dove molti processi si intersecano e interagiscono. Questo suo aspetto fondamentale, dove molte scale di tempi coesistono, dovute ad interazioni intra e inter molecolare differenti, è scarsamente evidenziato a livello generale/culturale e, invece, può essere importante. È proprio, infatti, l’intersecarsi delle dinamiche di tali processi che rende il mondo molecolare complesso e pluralistico, “vivo”, simile a quello umano.

G. Villani, La chimica: una scienza della complessità sistemica ante litteram, in Strutture di mondo. Il pensiero sistemico come specchio di una realtà complessa, a cura di L. Urbani Ulivi (il Mulino, Bologna 2010)
G. Villani, La chiave del mondo. Dalla filosofia alla scienza: l’onnipotenza delle molecole (CUEN, Napoli 2001); G. Villani, Complesso e organizzato. Sistemi strutturati in fisica, chimica, biologia ed oltre (FrancoAngeli, Milano 2008)

Aiuta Scienza in Rete a crescere. Il lavoro della redazione, soprattutto in questi momenti di emergenza, è enorme. Attualmente il giornale è interamente sostenuto dall'Editore Zadig, che non ricava alcun utile da questa attività, se non il piacere di fare giornalismo scientifico rigoroso, tempestivo e indipendente. Con il tuo contributo possiamo garantire un futuro a Scienza in Rete.

E' possibile inviare i contributi attraverso Paypal cliccando sul pulsante qui sopra. Questa forma di pagamento è garantita da Paypal.

Oppure attraverso bonifico bancario (IBAN: IT78X0311101614000000002939 intestato a Zadig srl - UBI SCPA - Agenzia di Milano, Piazzale Susa 2)

altri articoli

Epidemic: from reality to fantasy

Comparing the Covid-19 pandemic with two pandemics from literature: “The White Plague” by Frank Herbert and “Station 11” by Emily St. John Mandel

Epidemics is an often recurring theme in world literature, where authors share with us their realistic and unrealistic version of them. I recently read two books with global plagues in them: “The White Plague” by Herbert (1982) and “Station 11” by St. John Mandel (2014). These books came to mind at the outbreak of the new coronavirus epidemics, and I was reminded of the traits of their own epidemics and how puzzled they had left me. I will not compare these three diseases scientifically, as that would be impossible.