Covid-19/

A cosa serve la ricerca?

Tempo di lettura: 3 mins

La domanda "a cosa serve la ricerca?" è relativamente nuova, ma più recentemente e a causa della persistente crisi economica e industriale, è dilagata. Ci si chiede se gli investimenti in ricerca debbano essere indirizzati principalmente verso chiare ricadute e si considera rischioso finanziare ricerca fondamentale. A questo proposito è opportuno analizzare due punti: cosa si intende per ricadute della ricerca? E chi dovrebbe finanziare la ricerca pubblica?

  1. Cosa si intende per ricadute della ricerca?  
    Nell'ultimo secolo la principale differenza tra ricerca pubblica e ricerca privata è stata la finalità. Progresso culturale, scientifico e sociale per la prima, obiettivi di competitività sui mercati per la seconda. Questa differenza, non sempre esclusiva, ma fondativa, consente di mantenere il ruolo visionario, di frontiera che è proprio della ricerca pubblica e spesso determina la relazione asincrona tra nuova conoscenza e suo sfruttamento. Si stabilisce che l'autonomia della ricerca è un'espressione della sua indipendenza da interessi di parte. 
    Il tessuto industriale si è lungamente nutrito di risultati della ricerca pubblica per alimentare la propria e sviluppare nuovi prodotti e quindi è stato il principale punto di contatto tra la ricerca pubblica e quella privata. Più recentemente e in relazione alla crisi di competitività delle imprese si è iniziato a ritenere che la ricerca pubblica debba essere in parte al servizio dello sviluppo tecnologico. In Italia la ridotta dimensione delle imprese e l'accorciamento dei business plan ha spinto a considerare i centri di ricerca pubblici come fornitori di consulenza scientifica e tecnologica a sportello riducendo il ruolo esplorativo e prospettico, più ambizioso e innovativo, della ricerca pubblica.  
    Dobbiamo considerare quindi che se per ricadute della ricerca si intendono le dirette conseguenze dei rapporti tra gli enti di ricerca e le imprese basati su contratti problem solving, allora la ricerca pubblica non soddisfa appieno le aspettative e costa troppo. Se invece le ricadute della ricerca sono lo sviluppo culturale e scientifico del paese su cui si basa la formazione universitaria e la prospettiva di competitività di lungo periodo del settore economico produttivo, allora la ricerca pubblica svolge il proprio ruolo, ma è sottofinanziata.
  2. Chi dovrebbe finanziare la ricerca pubblica? 
    Quando si parla di finanziamento alla ricerca occorre distinguere tra il mantenimento delle strutture di ricerca e il loro potenziamento. Oggi è ancora evidente che il sostegno del sistema della ricerca pubblica, nonostante i drammatici tagli, è e deve essere in capo allo stato. Il problema dello sviluppo del sistema della ricerca e quindi del suo potenziamento - nuove strutture, laboratori, personale – è un problema di politica della ricerca, di politica industriale, di politica pubblica. 
    E' giusto che la ricerca sia finanziata secondo dei criteri di necessità che ne individuano i beneficiari, i portatori di interesse. Se ad esempio si ritiene che i portatori di interesse siano le imprese è giusto che loro cofinanzino la ricerca. Da qui tutti i bandi per progetti nei quali la presenza di un cofinanziamento privato è condizione necessaria per ottenere il finanziamento pubblico. 
    Ma se il portatore di interesse è il paese stesso per i motivi già detti – sviluppo culturale, scientifico e sociale basato sulla conoscenza - è giusto che la ricerca garantita, sostenuta e potenziata dallo stato. Questo avviene in tutti i paesi moderni e con un governo democratico nei quali alla ricerca si chiede di essere il motore che promuove aggregazione, connessione internazionale, attrazione di talenti, nuovo sapere e nuove idee per la competitività e la sostenibilità di lungo periodo.

L'articolo di Pietro Greco del 27 giugno "La ricerca italiana non sta tanto male nel mondo" ci racconta molto bene con i numeri che in Italia i ricercatori sono bravi e che la difficoltà del sistema della ricerca è, appunto, nel sistema. Vogliamo quindi riconsiderare che la ricerca serve al paese, deve essere sostenuta e potenziata dallo stato e che non possiamo più svendere consulenza alle piccole imprese per comprarci le attrezzature di laboratorio e mantenerle in funzione? Non è una questione di soldi, ma di mentalità.

Aiuta Scienza in Rete a crescere. Il lavoro della redazione, soprattutto in questi momenti di emergenza, è enorme. Attualmente il giornale è interamente sostenuto dall'Editore Zadig, che non ricava alcun utile da questa attività, se non il piacere di fare giornalismo scientifico rigoroso, tempestivo e indipendente. Con il tuo contributo possiamo garantire un futuro a Scienza in Rete.

E' possibile inviare i contributi attraverso Paypal cliccando sul pulsante qui sopra. Questa forma di pagamento è garantita da Paypal.

Oppure attraverso bonifico bancario (IBAN: IT78X0311101614000000002939 intestato a Zadig srl - UBI SCPA - Agenzia di Milano, Piazzale Susa 2)

altri articoli

Pollution and Covid. Two vague clues don't make an evidence

In these days, newspapers and television programs (and the web, of course) are giving space to a statement by the Italian Society of Environmental Medicine (SIMA) announcing important discoveries on the link between airborne particulate matter and Coronavirus, even describing them as important for the decisions to be taken in the coming weeks.