Covid-19/

La Royal Society e la comunità scientifica globale

Read time: 3 mins

Sono tre gli elementi dell’evoluzione dell’attività scientifica mondiale all’inizio del nuovo secolo che la Royal Society di Londra ha voluto mettere in evidenza pubblicando, di recente, il rapporto Knowledge, Networks and Nations: Global scientific collaboration in the 21st century: la crescita, la multipolarità e l’integrazione.

L’attività scientifica è la rapida crescita. Ce lo dicono tutti i parametri. In soli 5 anni, dal 2002 al 2007, gli investimenti globali in ricerca e sviluppo (R&S) sono passati da 790,3 a 1145,7 miliardi di dollari, con un incremento del 45,0%. Nel medesimo periodo è aumentato di 1,4 milioni di unità il numero di ricercatori, passati da 5,7 a 7,1 milioni, con un incremento del 19,7%. E, infine, è aumentato il numero degli articoli scientifici su riviste con peer review: passati dagli 1,09 milioni del 2002 agli 1,58 milioni del 2007, con un incremento del 45,0%.

Il secondo elemento che caratterizza questa fase della storia della scienza è una sempre più estesa multipolarità. Non solo in termini di investimenti (ormai l’Asia investe in ricerca quanto il Nord America e molto più dell’Europa), ma anche in termini di contributi scientifici significativi. La Turchia ha aumentato di sei volte i suoi investimenti e ora spende quando Danimarca, Finlandia e Norvegia messe insieme. Nel 2002 due autori su tre, il 66%, di pubblicazioni scientifiche lavoravano in uno dei paesi di più antica industrializzazione (Usa, Europa e Giappone), nel 2007 questa percentuale era scesa al 54%. Tra le 20 maggiori città per output scientifico nel periodo 2004/2008 sette erano in Asia, sei in Europa, sei in Nord America e una in Sud America. Tra queste due città cinesi (Nanchino e Shangai) e San Paolo in Brasile hanno migliorato la loro classifica di oltre 20 posti (Nanchino ancora nel 2000 era al 66° posto al mondo, ora è tra le prime 20), e due, entrambe asiatiche (Taipei e Seul) hanno migliorato la loro posizione di almeno dieci posizioni. Tutte le città europee o nordamericane hanno o perduto o, al più, conservato le loro posizioni.

Anche se i numeri cambiano in maniera così rapida e drastica da suscitare sempre sorpresa, i due processi – la crescita dell’attività scientifica e la sua diffusione geografica – non costituiscono una novità. Chi segue Scienzainrete sa che essi sono ormai puntualmente registrati da tutti i grandi rapporti sull’evoluzione dell’attività di ricerca nel mondo, da quelli della National Science Foundation degli Stati Uniti a quelli dell’OECD a quelli dell’Unione Europea.

Il terzo fattore che la Royal Society individua è, in genere, meno enfatizzato Ma non è meno importante. È il processo di sempre maggiore integrazione della scienza mondiale. Oggi il 35% degli articoli scientifici è frutto di una collaborazione internazionale. Nel 1996, quindici anni fa, erano appena il 25%. Inoltre più cresce il numero di scienziati di paesi diversi che lavorano a un progetto comune, più aumenta l’impact factor dei loro articoli.

Questo significa che la comunità scientifica non solo è sempre più ricca e numerosa, ma è appunto sempre più transnazionale. Ha gli stessi interessi, gli stessi valori, persino la stessa lingua in tutto il mondo. Certo, molti sono i problemi da risolvere – di qualità, di autonomia. Ma è come se, su scala mondiale, si stesse ripetendo quel grande e niente affatto scontato processo che portò, nel Seicento, alla nascita di un’unica comunità scientifica in Europa, e di cui proprio la Royal Society fu tra i maggiori protagonisti, malgrado il continente fosse politicamente frammentato e squassato da conflitti armati. È come se nel XXI secolo stesse nascendo un’unica comunità scientifica globale, proprio come nel XVII secolo nacque un’unica comunità scientifica europea.

C’è, oggi, un ulteriore elemento di novità rispetto al Seicento. Che a Londra hanno colto e ampiamente sottolineato. La comunità scientifica transnazionale è chiamata ad affrontare una serie di sfide a scala planetaria. La sua esistenza – l’esistenza di una comunità scientific globale sempre più libera e autonoma – non è solo desiderabile, è necessaria.

Knowledge, Networks and Nations: Global scientific collaboration in the 21st century (pdf)

Aiuta Scienza in Rete a crescere. Il lavoro della redazione, soprattutto in questi momenti di emergenza, è enorme. Attualmente il giornale è interamente sostenuto dall'Editore Zadig, che non ricava alcun utile da questa attività, se non il piacere di fare giornalismo scientifico rigoroso, tempestivo e indipendente. Con il tuo contributo possiamo garantire un futuro a Scienza in Rete.

E' possibile inviare i contributi attraverso Paypal cliccando sul pulsante qui sopra. Questa forma di pagamento è garantita da Paypal.

Oppure attraverso bonifico bancario (IBAN: IT78X0311101614000000002939 intestato a Zadig srl - UBI SCPA - Agenzia di Milano, Piazzale Susa 2)

altri articoli

Epidemic: from reality to fantasy

Comparing the Covid-19 pandemic with two pandemics from literature: “The White Plague” by Frank Herbert and “Station 11” by Emily St. John Mandel

Epidemics is an often recurring theme in world literature, where authors share with us their realistic and unrealistic version of them. I recently read two books with global plagues in them: “The White Plague” by Herbert (1982) and “Station 11” by St. John Mandel (2014). These books came to mind at the outbreak of the new coronavirus epidemics, and I was reminded of the traits of their own epidemics and how puzzled they had left me. I will not compare these three diseases scientifically, as that would be impossible.