Il Kit del giornalista

Tempo di lettura: 1 min

Comprendere il funzionamento dei meccanismi che regolano l'università italiana non è impresa facile, tanto che a volte alcune sottigliezze sfuggono anche a chi nell'università ci lavora. Ciò è dovuto al fatto che, nel tempo, si sono succedute diverse leggi e regolamenti: in particolare negli ultimi 15 anni l'università ha subìto una vera e propria overdose di riforme, in genere rimaste incompiute, che si sono stratificate una sull'altra. Di conseguenza capita abbastanza spesso di leggere resoconti giornalistici contenenti imprecisioni le quali, sovente, rendono la situazione ancora più confusa di quanto già sia.

Abbiamo pertanto ritenuto utile allestire questo kit del giornalista, ovvero una sorta di cassetta degli attrezzi pensata per tutti quelli che oggi scrivono e parlano di università, ma che forse non l’hanno mai conosciuta a fondo dall'interno (se non come utenti).

Articoli correlati

altri articoli

National Agency for Research: what is there, what is missing

The Italian National Agency for Research is about to be established. Article 28 of the draft budget law for 2020, which will be discussed at the Chambers in the coming days (see below for the text) and by the Ministry of Education, Universities and Research, talks about it. It coordinates and directs the research of universities, public research institutes and bodies. The objectives are dictated by the programming that remains in political hands.