Covid-19/

La bugia, anche nella scienza, è vizio antico

Read time: 3 mins
Qualunque fossero i veri obiettivi dell’azione di pirateria telematica che violando i computer della University East Anglia (Gran Bretagna)  ha reso pubbliche centinaia di e-mail di alcuni noti studiosi dei cambiamenti climatici,  la credibilità di questi ultimi ne risentirà a lungo. Si tratta, com’è  noto, di autorevoli esponenti del gruppo che attribuisce alle attività umane e ai gas serra il cosiddetto riscaldamento globale. I messaggi che costoro si scambiavano, riprodotti dai giornali, rivelano una preoccupante noncuranza nei confronti dei dati sperimentali,  un’inadeguatezza dei mezzi d’indagine e il pronto ricorso alla menzogna. Gli scienziati “catastrofisti”  avrebbero forzato o manipolato i dati scientifici per combattere gli scettici. Gli accusati si sono difesi parlando di fraintendimenti e ricordando che la massa di dati a favore delle loro tesi resta preponderante. La losca vicenda, probabilmente, non influirà sull’opinione pubblica internazionale già schierata a favore dello sviluppo sostenibile, e (speriamo) sui governi. Resta comunque il dubbio che anche fra gli scienziati prevalga talvolta lo spirito di parte e la voglia di emergere ad ogni costo, piuttosto che l’aspirazione alla verità. A parte questo Climagate, negli ultimi anni non sono certo mancati casi clamorosi di frode scientifica e tanti restano nascosti. La menzogna, in campo scientifico, è un vizio antico, già denunciato da Robert Boyle ne Il Chimico Scettico (1661).

babbageIl primo scienziato che tentò una classificazione delle frodi fu Charles Babbage (Londra, 1791-1871). Viene ricordato come matematico ma, soprattutto, come padre del moderno calcolatore programmabile.  A lui si devono i progetti di due macchine alle differenze (Difference Engines) e di una macchina analitica (Analytical Engine), purtroppo mai compiutamente realizzati. Le sue opere e la sua autobiografia, tradotta anche in italiano, rivelano interessi multiformi, ben oltre la matematica. Fu un pioniere del management e la sua opera più nota, un vero best-seller, fu il trattato Sull’economia delle macchine e delle manifatture (1832).

 

macchina delle differenze

Due anni dopo aver conquistato la cattedra di matematica a Cambridge pubblicò, nel 1830, le  Riflessioni sul declino della Scienza in Inghilterra e su alcune delle sue cause. Spirito polemico e riformatore, Babbage denunciò gli errori dell’establishment politico, accademico e culturale. Fece una classificazione delle frodi scientifiche che verrà ripresa successivamente da tutti coloro che si occuperanno dell’argomento. Individuò quattro tipi di frode:

  1. l’imbroglio o mistificazione (hoaxing);
  2. i ragionamenti basati su osservazioni mai effettuate (forging);
  3. l’esclusione dei risultati più lontani dalla media (trimming);
  4. il ricorso a pochi valori concordanti, estratti arbitrariamente da insieme più ampio, per forzare le conclusioni nel senso desiderato (cooking).

L’esempio di hoaxing che riporta Babbage è curioso. Si tratta della presunta scoperta di un nuovo mollusco a opera di Giuseppe Gioeni (1747-1822), avvenuta sul litorale di Catania (1783) e che, meno di vent’anni dopo, si rivelò un imbroglio. Gioeni aveva rinvenuto alcune concrezioni minerali presenti nello stomaco della Bulla Liguaria e le aveva attribuite ai resti di un nuovo genere di mollusco di cui immaginò forma, movimenti e abitudini. Certo, l’alterazione del quadro sperimentale da parte del ricercatore non è automaticamente fraudolenta e l’eliminazione dei dati devianti può essere una scelta giusta se fondata su una seria ipotesi scientifica. Le frodi non sono tutte eguali ed esiste una zona grigia in cui è difficile orientarsi.

mertonNel 1942 il sociologo americano Robert Merton  formalizzò alcune fondamentali regole di condotta per gli scienziati. Se alcune ci appaiono antiquate occorre sostituirle con altre,  ma la bussola dell’etica scientifica non è oggetto da museo.

 

 

 

Babbage C., Passaggi dalla vita di uno scienziato, UTET, Torino, 2007
Babbage C., Reflections  on the Decline of Science in England and on some of its Causes, Fellowes and Booth, London, 1830; Nature, 1989, 340, 499
Merton R., J. Legal Political Sociol.,1942, 1, 115
Guzzetti L., La frode scientifica, Liguori, Napoli, 2002
Judson H.F., The Great Betrayal: Fraud in Science, Harcourt, Orlando, 2004

Aiuta Scienza in Rete a crescere. Il lavoro della redazione, soprattutto in questi momenti di emergenza, è enorme. Attualmente il giornale è interamente sostenuto dall'Editore Zadig, che non ricava alcun utile da questa attività, se non il piacere di fare giornalismo scientifico rigoroso, tempestivo e indipendente. Con il tuo contributo possiamo garantire un futuro a Scienza in Rete.

E' possibile inviare i contributi attraverso Paypal cliccando sul pulsante qui sopra. Questa forma di pagamento è garantita da Paypal.

Oppure attraverso bonifico bancario (IBAN: IT78X0311101614000000002939 intestato a Zadig srl - UBI SCPA - Agenzia di Milano, Piazzale Susa 2)

altri articoli

Epidemic: from reality to fantasy

Comparing the Covid-19 pandemic with two pandemics from literature: “The White Plague” by Frank Herbert and “Station 11” by Emily St. John Mandel

Epidemics is an often recurring theme in world literature, where authors share with us their realistic and unrealistic version of them. I recently read two books with global plagues in them: “The White Plague” by Herbert (1982) and “Station 11” by St. John Mandel (2014). These books came to mind at the outbreak of the new coronavirus epidemics, and I was reminded of the traits of their own epidemics and how puzzled they had left me. I will not compare these three diseases scientifically, as that would be impossible.