Una donna controcorrente

Read time: 3 mins
Pagine: 
131
Prezzo: 
14,00 euro
Titolo: 
Rita Levi Montalcini
2014
Autore: 
Cristiana Pulcinelli, Tina Simoniello
L’asino d’oro
Anteprima: 
Questo libro è la prima biografia di Rita Levi-Montalcini pubblicata dopo la sua morte, un racconto della sua vita: i momenti di gloria e di sconforto, il Nobel del 1986 e gli anni successivi, in cui c'è ancora tanta scienza ma impegno civile, sociale e politico.
Miniatura: 

Non serve alcuno sforzo di immaginazione. La vediamo realmente scendere le scale, con la cartella di pelle tenuta ben stretta a sé, avvolta in una scultura di velluto dai colori cangianti e un piccolo strascico che disegna una coda sul suo corpo da uccellino. Gli occhi grigio-verdi incorniciati da un’onda di capelli bianchi, acconciatura tanto originale quanto raffinata. Rita Levi Montalcini, all’età di 77 anni, riceve dalle mani del Re di Svezia Gustavo XVI il premio Nobel per la medicina per la scoperta dell’NGF, il fattore di crescita nervoso.
E noi, magicamente, siamo lì. In quel posto e in quel momento: a Stoccolma il 10 dicembre del 1986.
A creare l’incantesimo sono le prime pagine del libro di Cristiana Pulcinelli e Tina Simoniello pubblicato dall’Asino d’oro nella collana “Profilo di donna”. Un ritratto di Rita Levi Montalcini, il primo dopo la sua morte, che, per lo stile della scrittura, rende perfettamente omaggio all’indiscutibile eleganza della “signora della scienza”.

Non avevano un compito facile le due autrici, entrambe giornaliste scientifiche,  e possiamo immaginare che, strada facendo, si siano incoraggiate a vicenda come due volenterosi scalatori che non intravedono la vetta della montagna su cui si stanno arrampicando. Perché colei che Primo Levi descrisse come una “piccola signora dalla volontà indomita e dal piglio di principessa” agli occhi degli aspiranti biografi si trasforma immediatamente in un gigante difficile da contenere nelle pagine di un libro. Altro che “piccola signora”! La sua vita è stata tutta, oggettivamente, “fuori misura”: perché eccezionali sono state le sue doti di scienziata, estremamente lunga la sua esistenza, terribilmente difficile il periodo storico in cui è vissuta, smisurata la sua voglia di fare, inarrivabile la sua raffinatezza, particolarmente sentito il suo impegno politico e sociale. Ebbene, il libro rende conto di tutto ciò e lo fa con una speciale, e molto giornalistica, attenzione alle esigenze del lettore.

Quella che scorre fluentemente nelle centoventi pagine del libro è infatti una bella storia, raccontata con un linguaggio comprensibile a tutti, capace di emozionare e di incuriosire. E soprattutto, e qui sta il grande merito delle autrici, ricca di quelle brevi ma fondamentali descrizioni che aiutano il lettore a farsi un’idea concreta delle persone incontrate da Rita Levi Montalcini, degli ambienti dove lavorava, degli strumenti che utilizzava, dei vestiti che indossava. 
Eccone un esempio: “Capelli rossi, sopracciglia folte, Levi era un  gran camminatore, amante della montagna e incurante dell’abbigliamento. Un uomo dal carattere difficile, che si manifestava in frequenti scatti di collera”. Bastano due righe e Giuseppe Levi, il professore che contribuì a rendere Rita Levi Montalcini una ricercatrice da Nobel, si materializza sulla scena. Ed eccone un altro: “Certo lo spazio non è molto: il letto occupa un terzo della stanza. Ma Rita, racconterà in seguito, riuscì a sistemarci tutto. Di fronte alla finestra che affaccia su un balcone , mette il tavolo con sopra una cassetta di vetro termoregolata con due buchi sul davanti in cui infilare le braccia”. Come d’incanto, lo dicevamo per la cerimonia del Nobel ma vale molte altre volte ancora, ci troviamo nel laboratorio clandestino costruito nella casa di famiglia durante gli anni difficili delle leggi razziali e della guerra.

 E’ questa insolita capacità di mettere in piedi immagini credibili e trasmettere informazioni essenziali alla vera conoscenza del personaggio che rende questo ritratto qualcosa di diverso, e a nostro parere di più completo e originale, rispetto a una semplice, per quanto, accurata biografia.
Azzardiamo la similitudine: sembra piuttosto un reportage firmato da due brave giornaliste che, rimaste a lungo immerse nel complesso e affascinante mondo di una donna eccezionale, tornano con un quadro fedele, ma soprattutto estremamente accattivante. Per il lettore è un gran regalo.

Giovanna Dall'Ongaro

altri articoli

Europe health saved by welfare

Peace Love Doctor, Bansky. Credit: Thomas Hawk / Flickr. Licenza: CC BY-NC 2.0.

Mortality trends in Europe have been decreasing in recent years, differently from what happened in the United States with the rise in the so-called “deaths of despair” among low educated middle-aged white Americans. Most of all, such trends in Europe show no interruptions due to the economic crisis. This is the conclusion of a study published on PNAS by LIFEPATH, a project funded by the European Commission, which investigates the biological pathways underlying social differences in healthy ageing.