Carlo Miranda

Read time: 2 mins

Carlo Miranda (Napoli, 1912 - Napoli, 1982) è nato nella città partenopea il 15 agosto 1912. Molto precoce negli studi, si iscrive al Corso di laurea in Matematica a soli 15 anni nel 1927. Quattro anni dopo, il 17 luglio 1931, è già laureato. Discutendo una tesi il cui relatore è il giovane professore Mauro Picone.

Miranda è, con Renato Caccioppoli e altri, tra i primi allievi di Picone. E, come Caccioppoli, si distingue tanto da diventare un assistente di Picone, prima di ottenere nel 1933, a soli 21 anni, la libera docenza in Analisi matematica. Si reca per alcuni mesi a Parigi e, nel 1937, ottiene la cattedra in matematica. Insegna prima a Genova e poi a Torino, dove nel 1941 diventa ordinario.

Nel 1943 si trasferisce a Napoli, in una città devastata dalla guerra. Con Caccioppoli, ricostruisce l’Istituto di Matematica e offre un’opportunità di ricerca a uno stuolo di giovani destinati ad affermarsi, come: Federico Cafiero, Carlo Ciliberto, Donato Greco, Guido Stampacchia, Francesco Stoppelli. Intanto rilancia il Giornale di Battaglini e dà vita alla rivista Ricerche di Matematica.

I suoi interessi scientifici riguardano la teoria delle equazioni integrali e degli sviluppi in serie. Tra il 1931 e il 1941 approfondisce gli studi sulle funzioni armoniche; sulla teoria del potenziale, di cui – come recita un documento dell’Unione matematica italiana – diventa uno dei più «profondi e raffinati cultori»; sull’analisi funzionale e sul calcolo della variazioni. Si interessa anche delle applicazioni di queste matematiche, soprattutto alla fisica.

È stato preside della Facoltà di Scienze dell’ateneo partenopeo dal 1956 al 1968, vicepresidente dell'UMI dal 1958 al 1964, membro del Comitato nazionale per le Scienze matematiche del CNR dal 1964 al 1968. Nel 1961 ha vinto il Premio del Presidente della Repubblica dell'Accademia Nazionale dei Lincei, di cui diventa membro a partire dal 1968.

È morto a Napoli il 28 maggio 1982.

In prima linea: John Von Neumann, dell’Institute for Advanced Study di Princeton (U.S.A.); in seconda linea: Renato Caccioppoli, dell’Università di Napoli, socio corrispondente dell’Accademia Nazionale dei Lincei; in terza linea: Carlo Miranda, dell’Università di Napoli (Dalla proposta di Mauro Picone per il Premio Feltrinelli per la matematica 1955)

Pur collocando, giustamente, Caccioppoli e Miranda tra le stelle del firmamento scientifico internazionale, Picone ritiene di dover proporre “in prima linea” John Von Neumann (Guido Trombetti)

Foto di gruppo di matematici napoletani: in prima fila in piedi, terzo da sinistra è Renato Caccioppoli; il terzo da sinistra in seconda fila in piedi è Carlo Miranda


Foto di gruppo di matematici napoletani: in prima fila in piedi, terzo da sinistra è Renato Caccioppoli; il terzo da sinistra in seconda fila in piedi è Carlo Miranda