Filippo Frontera

Filippo Frontera è professore ordinario di Fisica Generale presso la Facoltà di Ingegneria dell'Università di Ferrara. Fino al 1985 è stato ricercatore del Consiglio Nazionale delle Ricerche presso l'Istituto di Tecnologie e Studio Radiazioni Extraterrestri di Bologna (ora INAF/IASF, Bologna) presso cui continua la sua collaborazione. Sin dalla laurea ha svolto la sua attività scientifica nel campo dell'astronomia in raggi X. E' stato responsabile di vari esperimenti di astronomia X, tra cui l'esperimento di alta energia (15-300 keV) Phoswich Detection System (PDS) e il Gamma-Ray Burst Monitor (GRBM) a bordo del satellite BeppoSAX. E' tra i vincitori del Bruno Rossi Prize 1998 dell'American Astronomical Society, per la scoperta dell'emissione ritardata in raggi X dai lampi di raggi gamma celesti (GRBs), rendendo possibile la misura delle distanze di tali oggetti da noi. Per le scoperte sui GRBs, è tra i vincitori anche del premio "Cartesio" 2002 per la Scienza della Commissione Europea. E' stato responsabile di vari programmi osservativi in raggi X col satellite BeppoSAX, e co-responsabile dell'esperimento JEM-X per il satellite INTEGRAL dell'ESA ora in orbita. E' responsabile del gruppo di Astrofisica delle Alte Energie del Dipartimento di Fisica di Ferrara. Tra le attività in corso, sia osservative che sperimentali, si menziona lo sviluppo di tecniche di lenti di Laue per raggi gamma (>60 keV) per astronomia spaziale.

Onde gravitazionali: cosa ci svela la scoperta di BICEP2

Il team statunitense coordinato dal John M. Kovac dell’Harvard-Smithsonian Center for Astrophysics ha recentemente annunciato la scoperta dei cosiddetti modi B di polarizzazione delle anisotropie primordiali del fondo cosmico nelle microonde, realizzata grazie all’esperimento BICEP dall’Antartide.

I dubbi sul dottorato in alto apprendistato

E’ in corso il processo di approvazione del decreto MIUR sul nuovo “regolamento recante criteri generali per la disciplina del dottorato di ricerca”. Una delle novità del nuovo regolamento è la possibilità di formazione dei dottorandi all’interno di aziende.  Sono infatti equiparate alle borse di studio anche i contratti di apprendistato. Tali contratti sono regolati dal Decreto Legislativo 14 settembre 2011, n. 167, che prevede contratti di apprendistato per il conseguimento di titoli di studio universitari e di alta formazione, inclusi i dottorati di ricerca.